16 gennaio 2016
Donne Chiesa MOndo. Osservatore Romano

La differenza affermata dal vivere insieme

di Catherine Aubin
«Che il Signore ti benedica al tuo arrivo e al tuo ritorno». Uomini e donne, donne e uomini in una stessa Chiesa e in una stessa comunità: è questa la realtà quotidiana della comunità monastica di Bose. >

20 novembre 2015

Maschi e femmine: a che punto siamo?

di Gianni Ferronato
In questi ultimi decenni, dopo l’avvento del femminismo nelle nostre società, una delle novità nella relazione donne-uomini è che finalmente si parla, anche pubblicamente, della violenza maschile contro le donne. >

29 maggio 2015

Un taglio perché altro possa accadere

di Claudio Vedovati
Ciò che chiamiamo Maschile Plurale ha una lunga storia. Io la considero una piccola grande rivoluzione di cui vado fiero: uomini che hanno cominciato a lavorare su di sé per contrastare il simbolico patriarcale.

>

16 gennaio 2015

La violenza, gli uomini, la politica delle donne

di Alberto Leiss
Con alcuni brevi interventi su Fb ho contribuito a riaprire la discussione sul caso, emerso mesi fa, dell’uomo di Maschileplurale accusato di violenza psicologica.

>

5 gennaio 2015

Tra i resti del patriarcato: il fantasma della rivalsa femminile

Claudio Vedovati
Non eravamo stati capaci, come Maschile Plurale (MP), di dare valore alle cose più importanti.
Che la violenza era già stata nominata, da lei, l’unica persona titolata a farlo.
Che la violenza sulle donne non si può misurare su un terreno di verità che vada oltre le relazioni.

>

22 ottobre 2014

La questione maschile

di Marisa Guarneri
Mi sembra siamo dentro una questione maschile che si differenzia dalla posizione politica “la violenza è un problema degli uomini”.

>

19 ottobre 2014

Nutrire la nostra libertà, rischiando.

Claudio Vedovati (Maschile Plurale) e Sara Gandini (Libreria delle donne di Milano)
A noi – un uomo e una donna figli del femminismo – interessa volgere lo sguardo verso la violenza maschile, perché vogliamo capire la radice di questa violenza, quella fisica, psicologica e simbolica. Sappiamo però che ha senso farlo solo tenendo ben salda la relazione con il sapere delle donne, con le pratiche dei centri anti violenza, e con le figure di autorità che troviamo in questi luoghi. Il sapere di queste donne viene prima di ogni altro sapere e disciplina. Questo è l’imprescindibile, perché sappiamo che il loro sguardo ci aiuta a mostrare le contraddizioni che fanno andare avanti.

>

Pagina 1 di 3212345...102030...Ultima »