27 Maggio 2015

Dal fuori salone al fuori expo

di Vita Cosentino
Ho letto la lettera di Lucia Bertell a Luisa Muraro sui fatti del primo maggio a Milano. Nelle sue parole mi ha colpito soprattutto la posizione FuoriExpo

>

22 Maggio 2015

Senso del lavoro e orario

Maria Carla Baroni ci ha inviato il suo documento Senso del lavoro e orario, contributo da lei preparato in occasione di un’assemblea nazionale delle donne del Partito Comunista d’Italia che si è tenuta a Napoli il 15/3/2015.

>

22 Maggio 2015

I musulmani salvano la sinagoga

di Silvana Panciera
In mezzo a tante brutte notizie di intolleranza religiosa, eccone finalmente una ottima da condividere.

>

22 Maggio 2015

«Il mondo sta cadendo, tieni la mia mano».

di Claudio Vedovati
Viviamo in un’epoca storica di espropriazione. Il capitalismo riesce a produrre denaro e a sottrarre ricchezza senza bisogno dei tradizionali strumenti di consenso, senza dover mediare nuove forme di redistribuzione e regolazione sociale.

>

22 Maggio 2015

SULLA PROPOSTA DI LEGGE: “Disposizioni penali in tema di abuso delle relazioni familiari o di affido”

di Manuela Ulivi
“Disposizioni penali in tema di abuso delle relazioni familiari o di affido” sostenuta dall’on. Giulia Bongiorno e Michelle Hunziker, con l’associazione Doppia Difesa, che vorrebbe introdurre un nuovo reato, di abuso delle relazioni familiari o di affido, attraverso l’art. 572 bis c.p. con il quale: «[…] è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni chiunque, nell’ambito delle relazioni familiari o di affido, compiendo su minori infra quattordicenni ripetute attività denigratorie ai danni del genitore ovvero limitandone con altri artifizi irregolari contatti con il medesimo minore, intenzionalmente impedisce l’esercizio della potestà genitoriale».

>

15 Maggio 2015

Scambio tra Muraro, Bascetta e Mezzadra sulla manifestazione milanese del 1°maggio

Cara Luisa Muraro,

l’articolo a cui fai riferimento è stato scritto da due persone, Sandro Mezzadra ed io che, avendo vissuto insieme il corteo di Milano, cogliendo immagini, sensazioni, stati d’animo, entusiasmi e delusioni, parlando e parlandone, hanno cercato di riflettere su ciò che mancava, e di capire da quali vuoti scaturisse un diffuso e percepibile senso di disorientamento.

>