12 Settembre 2014

Scuola estiva della differenza di Lecce 2014: pubblicate le lezioni

Ai seguenti link si possono scaricare le lezioni della XII° Edizione della Scuola Estiva della differenza, svoltasi a Lecce tra l’8 e il 12 settembre 2014 (organizzata in collaborazione con la Comunità delle Benedettine): Un punto fermo per andare avanti:saperi, relazioni, lavoro e … >

5 Settembre 2014
www.vita.it

“Io sto con la sposa” emoziona Venezia e il mondo

di Daniele Biella

I tre coraggiosi e geniali registi di Io sto con la sposa, Antonio Augugliaro, Gabriele del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry, hanno deciso di raccontare morte e disperazione attraverso l’opposto: vita e gioia.

>

28 Luglio 2014
www.nuovavicenza.it

Femminileplurale denuncia: violenza diffusa nelle caserme Usa

di Antonella Cunico
Gentile Direttore, l’ultimo caso di stupro perpetrato da parà statunitensi ai danni di una donna incinta ha provocato indignazione in molte donne e uomini di Vicenza: si tratta dell’ennesimo episodio di una violenza che costituisce la forma più brutale e purtroppo diffusa della riduzione a oggetto delle donne, e ne sono responsabili militari appartenenti a un esercito che si autodefinisce difensore della democrazia nel mondo.

>

27 Luglio 2014
paolacontromano.blogspot.com/

Cara Luisa Muraro, mi spiego meglio

Cara Luisa Muraro,

partiamo dal fondo, e cioè dal fatto che Metro, giornale gratuito a larga diffusione, ha scelto di dare alla decisione della Chiesa Anglicana di consentire alle donne di diventare vescove tutta la prima pagina, con il titolo “Pari Opportunità”.

>

26 Luglio 2014
www.sardegnasoprattutto.com/

Il Centro di documentazione e studi delle donne, a rischio di chiusura per l’indifferenza delle Istituzioni

C’erano una volta due magazzini in via Lanusei a Cagliari. In quei locali di una piccola e poco frequentata strada della città fu aperta, nel 1978, la Libreria delle donne, la prima in Sardegna e una delle poche in Italia. Erano i mitici anni ’70, segnati dalla contestazione, dal confronto politico onesto e soprattutto, per noi e per il mondo, dalla rivoluzione femminista.

>

26 Luglio 2014
http://frontierenews.it/

“Io amo i palestinesi!” e fui riformata

Sarit Jacobsohn è una di quelle donne che a quarant’anni ne dimostra ancora venti, che ha un passato doloroso alle spalle ma che continua a dipingere quadri pieni di colori perché, come dice lei stessa, “viviamo nel posto più bello” ed è bello ricordarsene anche attraverso l’arte. La nostra chiacchierata Milano-Tennessee parte subito dal suo passato. Inizio con una domanda che mi sembra banale: “Da dove vieni?” e lei risponde: “Sono una cittadina del mondo”. Non poteva essere una risposta più azzeccata.

>