29 Marzo 2013
Internazionale

Femministe non “pentite”

di Laurie Penny

Che ci sarà mai di tanto spaventoso nella parola “femminismo”? Negli ultimi mesi, mentre giravo per il mondo te­nendo conferenze contro il capitali­smo e a favore dei diritti delle donne, ho sentito gli stessi discorsi tante volte. Uomini che mi dicevano: “Non sono femminista, sono per la parità”.

>

28 Marzo 2013
Il fatto quotidiano

Contro gli stereotipi maschili: uomini, stand up!

di Simone Perotti

Qui, lo ammetto, mi sono fermato. Esisteranno senza dubbio giornali maschili diversi… Chissà.

Non mi sono stupito, non vivo nel paese delle meraviglie. Però sono un po’ stufo. E non tanto che nei giornali maschili si persegua questo stereotipo di uomo vincente, muscoloso, più o meno analfabeta, parlando al quale occorre rallentare la frase per farsi seguire. Molti giornali femminili inseguono un’immagine simile e rovesciata delle donne.

 

>

27 Marzo 2013

Reale, virtuale

di Mira Furlani

Care amiche della libreria,
sono una che vi vuole molto bene, che quotidianamente intreccia reale
e virtuale, non per amore per la tecnologia, ma per necessità e
praticità,

>

25 Marzo 2013

Valerie Solanas sono io.

di Laura Giordano

“In questa società la vita, nel migliore dei casi, è un noia sconfinata e nulla riguarda le donne”, queste sono le parole con cui nel 1967 Valerie Solanas apre il suo Manifesto S.C.U.M, che letteralmente significa feccia, ad indicare coloro che si ribellano al sistema. In realtà  è l’acronimo di: “society for cutting up men”, ossia: società per l’eliminazione dei maschi.

>

23 Marzo 2013

Tecnologia

di Adriana Sbrogiò
Ho letto il “Messaggio con richiesta di aiuto….”  e mi pare molto buono.

>

23 Marzo 2013

Riprendiamoci la città

Roma, incontro delle Città Vicine

Intervento di Antonella Cunico, Femminile plurale

 

L’appello che invita all’incontro delle Città Vicine risuona in modo significativo a Vicenza, città del Palladio, città d’arte, ma anche, come voi amiche sapete, città militare.

È di ieri l’annuncio, nel “Giornale di Vicenza”, della prossima apertura della base alla città, evento previsto per il 4 maggio, denominato open day, con tono celebrativo, come si trattasse dell’inaugurazione di una grande opera per la città. Se ne parla come della “più costosa opera pubblica mai realizzata a Vicenza”.

>