11 maggio 2017

Il figlio e il mare. Su «Troppo sale» di Stefania Giannotti

di Marina Terragni

Bello «come un dio greco, disteso sul fondo del gommone» in una sfolgorante giornata d’agosto. Un’immersione finita male all’inseguimento di qualche pesce favoloso. Un figlio giovinetto che anziché nascerne muore nella schiuma di un mare azzurrissimo, come in un mito alla rovescia.
È stata, dice sua madre, l’ultima volta che ha avuto paura: «Ora posso vivere o morire». Stabat mater. Troppo sale di Stefania Giannotti (Feltrinelli) è il racconto non retorico del corpo a corpo quotidiano e meticoloso con il dolore più
grande che ci sia, quello delle sette spade nel cuore. A cominciare dalla scoperta sorprendente che «non è la morte che non dà tregua, è la vita… È la potenza dell’esistere che mi meravigliò e mi si attaccò addosso».
In L’anno del pensiero magico (Il Saggiatore) la scrittrice americana Joan Didion racconta di essersi messa a pulire il suo studio dopo la perdita improvvisa del marito, «un passo verso il primo giorno del resto della mia vita».
Un contatto fisico con la realtà che ostinatamente sopravvive, e che Giannotti incontra nella matericità del cibo.
In Troppo sale la memoria di quei giorni di agosto si allenta in serene “pause cucina”. Ottime ricette-tregua, zuppe di carciofi e gattò di scarola.
Nutrire l’altra e l’altro per restare prossimi al senso vero del nostro essere al mondo. È la prima ricetta da mandare a memoria.

(da Avvenire, 11 maggio 2017)

Print Friendly