28 novembre 2017 ore 16.00-18.30 e 18.30-20.00

LabMi-3°stagione per la città del primum vivere

Vi invitiamo, donne e uomini, abitanti e amanti di Milano, a lavorare collegialmente nella 3° stagione di LabMI per la città del primum vivere.

Le donne, 14 Lei, ci hanno raccontato il loro modo di abitare a Milano, oggi. Ciascuna con il suo corpo sessuato, mediante le pratiche quotidiane di vita, lascia orme sullo scenario fisico di Milano e disegna la sua città che è un mondo di vita. Tutte hanno detto che Milano, a volte crudele, è amica della propria libertà. Tutte hanno scelto qualcosa secondo un’idea di primum vivere.

C’è un’idea di progetto, cioè di trasformazione di Milano, nelle parole sapienti delle donne che abbiamo ascoltato. Troviamola, interpretando ancora più a fondo le parole e la città di Lei, e diciamola collegialmente.

Per fare del primum vivere un’idea per Milano.

LabMi è stato promosso nel 2015 da: Sandra Bonfiglioli, Bianca Bottero, Maria Bottero, Emilia Costa, Ida Farè, Stefania Giannotti, Laura Minguzzi.

 

Sarà presente una Lei, un’altra Laura M. che conosce Milano crudele. Ciò nonostante dice di amare questa città della quale conosce i paesaggi fisici e culturali. Noi porteremo la sua mappa digitale e altre carte urbanistiche e storiche di Milano Est dove è la sua casa.

 

Care amiche e cari amici,

il 28 nov, lavoriamo sui materiali di Laura Modini in sua presenza.

 

 H 16-18,30  leggiamo assieme il racconto di Laura, che fece davanti a noi circa un anno fa, per setacciare le frasi e le parole sapienti della sua esperienza abitativa. Studiamo la mappa delle orme lasciate da Lei nell’atto di abitare a Milano e decidiamo cosa aggiungervi qualitativamente (dice Bianca) per fare emergere la cifra della sua Milano.  

Laura afferma di amare Milano. Ma Milano è ancora crudele con Lei, non si occupa dei suoi bisogni che sono anche di molte e di molti.

Il desiderio di libertà di Laura, che non le fa chinare la testa, è un severo monito per una città che si pensa civile e moderna.  

Milano si presenta a lei, quando esce dalla sua dimora, come uno scenario fisico dove qua e là inciampa e ciò rafforza il suo desiderio di libertà. 

Perché Laura inciampa è una questione rilevante e attuale per gli/le abitanti di oggi, siano essi/e piccini o adulti o anziani, a causa dei nuovi modi di abitare zigzaganti rispetto a quelli in uso nella città fabbrica.

Per tutto ciò dalle 18,30 alle 20 facciamo una riflessione di tipo nuovo che finora ci siamo vietate.

 

H 18,30-20  Ci chiediamo: cosa dell’esperienza di Laura abitante risuona profondamente  in noi che l’abbiamo ascoltata e riascoltata?  

L’esperienza di Laura ha fatto emergere in noi un’idea anche solo intuita che forse pensiamo banale? Parliamone, perché forse è solo un’idea timida e affatto banale.

Per migliorare Milano.     

Abbiamo invitato ad essere presenti in questa fascia di tempo alcune donne che frequentano LabMI perché pensiamo possano aiutare la riflessione in modo approfondito.  

 

Vi aspettiamo.

Print Friendly, PDF & Email