22 settembre 2017
Internazionale

Sulla legge Merlin

Alla redazione di Internazionale

“La storia di Blessing” (Internazionale 1221) è una miniera di notizie dettagliate, quello che cercavo, sulla tratta di giovani donne, alcune giovanissime, dalla Nigeria all’Italia. Sono grata a voi e al giornalista Ben Taub che riferisce dal vivo la vicenda di una di loro. Nel corso del racconto, per ignoranza forse o per brevità, Ben Taub fa un’affermazione strana e fuorviante. Scrive: «La prostituzione non è un reato in Italia ma attira l’attenzione della polizia». Che cosa vuol dire? Secondo la legge Merlin, riassumo, non è reato la compravendita di servizi sessuali fra persone adulte e consenzienti. Tutto il resto, per quel che riguarda la prostituzione, è reato: organizzarla, sfruttarla, favorirla, coinvolgere minori… Senza essere un’esperta, vorrei aggiungere che, a mio giudizio, fra le tante leggi che in Europa e nel mondo cercano di regolare questa materia, nessuna che ci riesca, neanche questa, questa però mi pare la migliore. E vorrei che fosse conosciuta meglio da chi si occupa dell’argomento.

Luisa Muraro

(Internazionale, 15/21 settembre 2017, n. 1222)

Print Friendly, PDF & Email