6 Dicembre 2018
Linkiesta

I soldi contro la violenza alle donne? Vanno a cantanti, rugbisti e calciatori

di Lidia Baratta
Mentre i centri antiviolenza arrancano, associazioni e onlus si sono buttate nella difesa delle donne vittime di violenza. Basta guardare gli 11,7 milioni distribuiti dal Dipartimento Pari opportunità tra società sportive, comuni, enti religiosi e agenzie di comunicazione. >

6 Dicembre 2018
Liberation

Una Bibbia delle donne

Stufe di veder usare la Bibbia per legittimare la “sottomissione delle donne”, una ventina di teologhe protestanti e cattoliche, proveniente da diversi paesi europei e africani e dal Québec, si sono associate per pubblicare una lettura femminista della Bibbia. >

6 Dicembre 2018

Lettera aperta al direttore del Corriere della sera. Sul prodigio californiano delle gemelline nate da due uomini

di Luisa Muraro
Da qualche anno, insieme ad altre e altri partecipo alla riflessione sul tema della maternità surrogata, detta anche gravidanza per altri (GPA) o, più polemicamente, utero in affitto. Infatti, c’è bisogno di riflessione e non si può sempre evitare che ci sia polemica. Ma facciamo il possibile perché la qualità dell’informazione sia salva: la richiesta di notizie chiare su questo tema sta crescendo. >

6 Dicembre 2018

Nobel per la pace a Nadia Murad

di Silvana Ferrari
Il prossimo 10 dicembre si svolgerà a Stoccolma la cerimonia di consegna del Premio Nobel per la Pace 2018 assegnato a Denis Mukwege e a Nadia Murad «per il loro impegno nel mettere fine all’uso della violenza sessuale come arma sistematica in guerra e nei conflitti armati.» >

5 Dicembre 2018

Un divino differente

di Mira Furlani
Ho seguito l’incontro Donne che cambiano le chiese trasmesso in diretta streaming il 24 novembre scorso dal sito della Libreria, ora visibile in video sul sito stesso col titolo Tutto è ancora sospeso (vedi settore you tube/video). >

5 Dicembre 2018
Corriere della Sera

La rivolta delle calciatrici che denunciano gli abusi

di Andrea Nicastro
Molestie, abusi ripetuti. Vittime le giocatrici della nazionale afghana di calcio. Che hanno trovato il coraggio di ribellarsi e denunciare gli aguzzini. Subendo anche ritorsioni. Il presidente della federazione commenta: uno choc. E interviene anche la Fifa. >