13 Maggio 2016
www.libreriadelledonne.it

Elisabeth Gaskell, La vita di Charlotte Brontë

di Barbara Nogara

Elisabeth Gaskell, La vita di Charlotte Brontë, Trad. di Simone Buffa di Castelferro, Castelvecchi 2015 Euro 22

Elisabeth Gaskell, già acclamata autrice di Cranford, viene richiesta dal padre di Charlotte Brontë affinchè scriva la biografia della figlia scomparsa nel 1855. Elisabeth, cara amica di Charlotte, parte così sulle tracce di quanti l’avevano conosciuta; viaggia in Inghilterra e in Belgio, raccoglie materiale e notizie e trae dalle ricerche un importante insieme di lettere, colloqui, osservazioni, che ci restituiscono momenti della sua storia e del suo ambiente. Privilegiando gli aspetti più personali, Elisabeth Gaskell ricrea la vitalità e la profondità della grande scrittrice vittoriana, svelando i lati meno conosciuti del suo carattere tormentato e introverso.
Charlotte Brontë nasce a Thornton, Yorkshire, nel 1816, terzogenita fra cinque sorelle e un fratello; rimasti orfani di madre nel 1821 crescono con il padre Patrick Bronte, laureato a Cambridge, poi reverendo nella Canonica di Haworth, villaggio isolato nella brughiera. I bambini crescono indipendenti; sono dotati per il disegno e per la scrittura e per il teatro. Nel 1924 Elisabeth e Mary, le due figlie maggiori di 9 e 10 anni, messe a studiare al Clergy Daughters School moriranno a causa di una educazione e un trattamento crudeli; anche Charlotte e Emily di 8 e 6 anni, conosceranno la stessa scuola e ne usciranno a malapena. Charlotte studierà poi a Roe Head, da Miss Wooler; qui contrarrà amicizie con le quali intratterrà per sempre rapporti epistolari. In seguito studierà a Bruxelles. Le ragazze Brontë sono povere non particolarmente belle, un grande matrimonio non è certo possibile, la carriera letteraria non è sufficiente, è quindi necessario trovare un lavoro che le renda indipendenti. Charlotte sarà governante per molti anni. Segue anche la sua passione letteraria e nel 1847 riesce a pubblicare Jane Eyre; nello stesso anno vengono pubblicati Cime tempestose di Emily e Agnes Grey di Anne. Nel 1848 Il fratello, ottimo pittore misconosciuto, muore alcolizzato e oppiomane, nello stesso anno le sorelle muoiono di tubercolosi. Charlotte rimane sola alla canonica, dove il padre, malato agli occhi, è seguito e aiutato dal Curato Arthur Bell Nichols, che sarà per un anno solo suo marito, poiché lei morirà per un’infezione mentre aspettava un figlio. Sono di quel periodo la pubblicazione di Shirley e Villette.

(www.libreriadelledonne.it, 13 maggio 2016)