5 Gennaio 2015

Tra i resti del patriarcato: il fantasma della rivalsa femminile

Claudio Vedovati
Non eravamo stati capaci, come Maschile Plurale (MP), di dare valore alle cose più importanti.
Che la violenza era già stata nominata, da lei, l’unica persona titolata a farlo.
Che la violenza sulle donne non si può misurare su un terreno di verità che vada oltre le relazioni.

>

14 Novembre 2014

QUALE BUONA SCUOLA?

di Mariella Pasinati
Ancora una volta non è una scuola per bambine, ragazze e donne la buona scuola del documento governativo

>

31 Ottobre 2014
il manifesto

Mi chiamo Lamiaa, ho 11 anni e sono italiana

di Giuseppe Caliceti

Oggi vi racconto la mia piccola storia: mi chiamo Lamiaa, ho 11 anni, sono nata a Reggio Emilia e faccio la prima media. A scuola va tutto bene, stavo benissimo, vivevo felice e serena fino a due anni fa circa, quando un giorno ricevo un 10 in grammatica

>

22 Ottobre 2014

La questione maschile

di Marisa Guarneri
Mi sembra siamo dentro una questione maschile che si differenzia dalla posizione politica “la violenza è un problema degli uomini”.

>

19 Ottobre 2014

Nutrire la nostra libertà, rischiando.

Claudio Vedovati (Maschile Plurale) e Sara Gandini (Libreria delle donne di Milano)
A noi – un uomo e una donna figli del femminismo – interessa volgere lo sguardo verso la violenza maschile, perché vogliamo capire la radice di questa violenza, quella fisica, psicologica e simbolica. Sappiamo però che ha senso farlo solo tenendo ben salda la relazione con il sapere delle donne, con le pratiche dei centri anti violenza, e con le figure di autorità che troviamo in questi luoghi. Il sapere di queste donne viene prima di ogni altro sapere e disciplina. Questo è l’imprescindibile, perché sappiamo che il loro sguardo ci aiuta a mostrare le contraddizioni che fanno andare avanti.

>

10 Ottobre 2014
La Nuova Venezia

Ripartire dalla ferita del Mose

di Tiziana Plebani
L’esperienza quotidiana e l’arte del vivere ci insegnano che non si superano un dolore, una ferita, un trauma se non attraverso un processo di rielaborazione e consapevolezza che, se affrontato pienamente, conduce a un di più: di sapere, di attenzione, di energia.

>