23 Gennaio 2020
il manifesto

Un’appassionata politica del desiderio

di Stefania Tarantino
A proposito de «La carta coperta. L’inconscio nelle pratiche femministe». Un libro a cura di Chiara Zamboni con saggi di Ida Dominijanni, Lia Cigarini, Manuela Fraire e altre. >

18 Dicembre 2019
Erbacce

Il libro della Stefi di Grazia Nidasio

È in tutte le librerie la raccolta delle storie più belle della Stefi, mitica bambina disegnata da Grazia Nidasio su Corriere dei Piccoli, Corriere dei Ragazzi, Corriere della Sera a partire dal 1972. >

13 Dicembre 2019
Via Dogana

La conta dei salvati

di Anna Bravo
«Ho scelto di seguire la genealogia del sangue risparmiato», scrive la storica Anna Bravo in un libro che parte da un’idea straordinaria: parlare non di morti ma di vite salvate. Il libro s’intitola La conta dei salvati. Dalla Grande Guerra al Tibet: storie di sangue risparmiato (Laterza, 2013) >

5 Dicembre 2019

La fabbrica delle protagoniste: parlano le metalmeccaniche

di Giordana Masotto
Questo testo è nato in occasione della presentazione alla Libreria delle donne di Milano del libro di Loriana LucciariniDoppio carico – Storie di operaie (Villaggio Maori Edizioni, 2019) in cui l’autrice, una metalmeccanica che scrive storie, ci fa entrare nelle vite, nel lavoro, nei conflitti e nelle contrattazioni di tante protagoniste di quella che è/era la più maschile delle fabbriche. >

21 Novembre 2019
Osservatorio Costituzionale

Quanto ci tocca la prostituzione?

di Cristina Luzzi
Recensione del libro Né sesso né lavoro. Politiche sulla prostituzione di Daniela Danna, Silvia Niccolai, Grazia Villa, Luciana Tavernini, VandA.epublishing, 2019. Cristina Luzzi è dottoranda in Giustizia costituzionale e diritti fondamentali, Università di Pisa. >

13 Novembre 2019
Vanity Fair

Scritto nel corpo: L’evento di Annie Ernaux

di Daria Bignardi
Come scrive la scrittrice francese Annie Ernaux a proposito di una figura del suo passato, per me lei è una di quelle donne «morte o vive, reali o immaginarie, con le quali, malgrado tutte le differenze, sento di avere qualcosa in comune. >

8 Novembre 2019
Casablanca

Lea Garofalo e le altre

di Franca Fortunato
Alba A., Maria Stefanelli, Simona Napoli, Giuseppina Pesce, Giusy Multari, Maria Concetta Cacciola, Lea Garofalo, Annina Lo Bianco sono donne cresciute in famiglie di ’ndrangheta, che per amore della loro libertà e quella delle loro figlie e figli sono divenute testimoni o collaboratrici di giustizia, denunciando e mandando in galera madri, padri, sorelle, fratelli, mariti, parenti, i cui legami di sangue hanno da sempre assicurato alla ’ndrangheta omertà, forza e mancanza di pentiti. >