11 Ottobre 2019

La carta coperta. Il passaggio segreto

di Luisa Muraro
Noi non “abbiamo” un corpo, noi siamo corpo: corpo vivente (che nasce, cresce, invecchia e muore), sessuato (che si riproduce incrociandosi con un altro umano di sesso differente), senziente, desiderante e parlante (parlante almeno una di una miriade di lingue diverse). >

10 Ottobre 2019
Note Block

Cento anni fa Rosa Luxemburg, una donna per il nostro tempo

di Maria Concetta Sala
«Al contrario di tanti capi del movimento operaio, e soprattutto dei bolscevichi, in particolare Lenin, Rosa non ha ristretto la propria vita entro i limiti dell’attività politica. Fu un essere completo, aperto a ogni cosa, e al quale non era estraneo alcunché di umano. >

12 Settembre 2019
Vita e pensiero

La fine del dominio maschile

di Marcel Gauchet
«L’avvenimento non è di poco conto… stiamo assistendo alla fine del dominio maschile». Così inizia il nuovo libro di Marcel Gauchet (in libreria dal 19 settembre), filosofo sempre attento a cogliere le dinamiche che caratterizzano i rapporti umani nella società contemporanea. In attesa di poterlo sfogliare tra le mani, vi anticipiamo un brano intitolato Il defunto padre. >

23 Luglio 2019

Non puoi partire senza di loro. Letture 2019

di Rosaria Guacci e Paola Mammani
…qualcosa, una ferma
utopia, sta per fiorire (fine anni ’60, Piera Oppezzo, poeta)
Ed è infatti una piena fioritura quella dei GRANDI CLASSICI del pensiero femminista. >

18 Luglio 2019

Storie nella storia. Leggendaria per l’estate 2019

Segnaliamo l’ultimo numero di Leggendaria (n. 136, luglio 2019), intitolato “Storie nella storia”. «Mette a fuoco un genere di sempre maggiore successo: il romanzo storico, che vede una forte presenza di firme femminili, oltre a una attenta riflessione su che cosa oggi possiamo definire Storia, e come raccontarla». >

1 Luglio 2019
Leggendaria

Parole cantate

Il nuovo disco di Ardesia, gruppo di ricerca filosofica politica e femminista >

17 Giugno 2019

Per Piera Oppezzo

di Cristiana Fischer
dopo avere ascoltato l’altra sera il vostro incontro su Piera Oppezzo (mettere link a streaming su youtube!), voglio aggiungere una riflessione, a integrare quanto è stato detto. >