30 Gennaio 2013
CORRIERE DELLA SERA

Voto alle Donne, un Giudice del 1906 più illuminato dei colleghi odierni

Antonio Polito

Oggi che i magistrati della Corte d’appello di Roma hanno escluso dalle regionali la lista dei radicali perché conteneva più donne che uomini, vale la pena di ricordare la sentenza di un’altra Corte d’appello di 107 anni fa. Un piccolo episodio dimenticato nella lunga storia della lotta per l’emancipazione femminile, riportato alla luce dallo storico Marco Severini in «Dieci donne», un libro appena pubblicato da «liberilibri»

>

29 Gennaio 2013

“Immagina che il lavoro” a Catania: inaugurazione della mostra di mail-art

Anna Di Salvo

Sabato 26 gennaio 2013 nello spazio occupato del teatro Coppola di Catania, la Città Felice, la rete delle Città Vicine e l’Anpi Catania, hanno inaugurato la mostra di mail-art “Immagina che il lavoro” alla quale ha fatto seguito un’animata discussione, coordinata da Anna Di Salvo

>

28 Gennaio 2013

Solo donne e bambini a Ravensbrück

Claudia Piccinelli
Ravensbrück. Significa “ponte dei corvi”. Città concentrazionaria nazista per sole donne e bambini, ospitò il maggior numero di deportate politiche italiane. 132.000 deportate – 92.000 morte.

>

27 Gennaio 2013
Il club della lettura (CORRIERE DELLA SERA)

Toghe con le gonne. La Rivincita

Giovanni Bianconi

Chissà che direbbe oggi il presidente di tribunale Antonio Romano, classe 1895, a vedersi circondato da tante toghe indossate sopra una gonna.

>

26 Gennaio 2013

Pussy Riot – Intervento di Laura Colombo

Il 21 febbraio 2012 alcune giovani donne del collettivo punk Pussy Riot di Mosca si sono introdotte nella cattedrale di Cristo Salvatore di Mosca e hanno intonato la preghiera punk “Maria Vergine, liberaci da Putin“.

>

26 Gennaio 2013

La sfida politica delle Pussy Riot – intervento di Sara Gandini

Tutta la vicenda delle Pussy Riot, può essere letta sotto diverse prospettive: l’ingiustizia della loro condanna, le condizioni inumane delle carceri, il regime repressivo, oppure la scommessa politica delle ragazze, e le pratiche che la sostengono, che è in effetti l’aspetto che interessa più a noi.

>