9 Gennaio 2019
Famiglia Cristiana

Lettera di un’immigrata africana

Lettera a Salvini di un’immigrata africana: «La faccia cattiva la dedichi ai potenti che occupano casa mia»
È diretta e senza mediazioni la lettera aperta di una donna africana al ministro dell’Interno. «Se avessi potuto scegliere, avrei fatto volentieri a meno della sua ospitalità». >

8 Gennaio 2019
Casablanca

Da Lina Merlin a Rachel Moran

di Franca Fortunato
A sessant’anni di distanza dalla legge della senatrice socialista Lina Merlin, che ha messo fine ai bordelli di Stato e alla regolamentazione della prostituzione, un’altra donna, Rachel Moran, irlandese, sopravvissuta alla prostituzione ne ha reso possibile la sua fine. >

28 Dicembre 2018
Corriere della Sera

Corpi senza libertà

di Luisa Muraro
In altre parole, alla nostra civiltà manca da sempre una teoria della libertà femminile, con effetti di disordine simbolico che si sono trasmessi nei secoli fino a noi.
>

22 Dicembre 2018
Nawaat

Lettera di una femminista tunisina, trentenne, precaria e disperata

di Rim Ben Fraj
Spiacente, signor Presidente, ma non condivido l’entusiasmo suscitato dal disegno di legge sulla parità di genere nel diritto ereditario. Lavoro tanto, ma senza alcuno stipendio, senza protezione sociale, senza assicurazione sanitaria, e non verso contributi pensionistici. >

21 Dicembre 2018
Adista Notizie

Suore abusate. Da preti. Il bubbone sta esplodendo

di Ludovica Eugenio, 15 giugno 2018
Parigi – ADISTA. È ancora in gran parte sotterraneo, parlarne è ancora un enorme tabù. Forse l’ultimo. Ma esiste, e lentamente, caso dopo caso, le vittime cominciano a superare le resistenze e a liberarsi da questo fardello pesantissimo. >

21 Dicembre 2018

L’invasione del Genere

di Clara Jourdan
Sono preoccupata. Sempre di più compare, e anche in bocca a vecchie femministe che da decenni lottano per il senso libero della differenza sessuale, la parola “genere” dovunque si parli di questioni che riguardano i rapporti tra i sessi, ormai all’ordine del giorno in tutti i contesti: “pregiudizio di genere”, per esempio, e perfino “violenza di genere”. >